Progetti di ricerca su bandi competitivi

GenTORE: Genomic Management Tools to Optimise Resilience and Efficiency across the Bovine Sector

Strumenti di gestione genomica per ottimizzare la Resilienza e l’Efficienza nel settore Bovino

GenTORE, finanziato nell’ambito del Progetto di Ricerca e Innovazione dell’Unione Europea Horizon 2020, si propone di sviluppare strumenti innovativi di selezione e management per ottimizzare RESILIENZA E EFFICIENZA dei bovini da latte e da carne  in ambienti di allevamento molto diversi, a livello europeo, e mutevoli (per effetto dei cambiamenti climatici). Il Dipartimento di Medicina Animale, Produzioni e Salute (MAPS), Università degli Studi di Padova, nella figura del Prof. Giulio Cozzi, partecipa assieme ad altri 20 partner europei provenienti da 15 paesi.

Responsabile nazionale:

Prof. Giulio Cozzi

Dipartimento di Medicina Animale, Produzioni e Salute (MAPS), Università degli Studi di Padova.

 

 

 

SusCatt: Increasing productivity, resource efficiency and product quality to increase the economic competitiveness of forage and grazing based cattle production systems

Aumentare la produttività, l’uso efficiente delle risorse, la qualità dei prodotti e la competitività economica di sistemi di allevamento dei bovini basati sul largo impiego di foraggi e sul pascolamento

Il progetto, finanziato dal  Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali nell’ambito del consorzio ERANET-SusAn, ha come obiettivo generale quello di valutare la produttività, l'efficienza nell’uso delle risorse e l’accettabilità da parte dei consumatori di un processo di transizione dell’allevamento bovino verso diete basate su elevate quantità di foraggi (non edibili per l’uomo), sull’inclusione di sottoprodotti di origine vegetale o che utilizzi maggiormente, se non completamente, il pascolo. La Prof.ssa Flaviana Gottardo, del Dipartimento di Medicina Animale, Produzioni e Salute (MAPS), Università degli Studi di Padova, sarà leader di un Work Package collaborando con altri 6 centri di eccellenza europei di 5 diversi paesi.

Responsabile nazionale:

Prof.ssa Flaviana Gottardo

Dipartimento di Medicina Animale, Produzioni e Salute (MAPS), Università degli Studi di Padova.

 

 

 

LOWE MEAT - Studio di fattibilità per lo sviluppo di un sistema di allevamento del vitellone da carne a basse emissioni di gas serra in Veneto

Il progetto, finanziato dal PSR Veneto 2014-2020, vede la collaborazione del Dipartimento MAPS, nella persona della prof.ssa Flaviana Gottardo, con  Stalla Sociale di Monastier e con AZOVE, associazione produttori di carni bovine in Veneto. Lo scopo è quello di valutare la fattibilità scientifica e tecnico-economica di misure innovative per l’allevamento del vitellone da carne in Veneto che portino a una riduzione complessiva dell’impatto ambientale (emissioni in atmosfera, contaminazione di acqua e suolo).

Misura 16.1 – durata dal 21/04/2017 al 21/04/2018

Responsabile nazionale:

Prof.ssa Flaviana Gottardo

Dipartimento di Medicina Animale, Produzioni e Salute (MAPS), Università degli Studi di Padova.

 

 

 

 

BUzNet:B-learning Uzbekistan Veterinary Network

Creazione di una rete di B-learning per la Veterinaria in Uzbekistan

 

BUzNet, co-finanziato nell’ambito del Programma Erasmus + Capacity Building dell’Unione Europea, si propone di migliorare la qualità dell’insegnamento dei corsi di laurea in medicina veterinaria e in produzione animale in Uzbekistan con un approccio contestualizzato pratico, utilizzando strategie di Blended-learning, ovvero di didattica sia di tipo classico teorico che di tipo innovativo usando alcune delle moderne tecniche di insegnamento oggi disponibili. Questo tipo di approccio verrà eseguito mediante la creazione di un network per lo scambio di informazioni tra il capofila (Università di Porto), i partner europei (UNIPD, Università di Pisa, Eesti Maaülikool – EMU), e i quattro partner uzbechi (Samarkand Agricultural Institute, Tashkent State Agrarian University, Nukus Branch Tashkent State Agrarian University, Andijan Agricultural Institute).

Responsabile per UNIPD: Prof. Stefano Romagnoli - Dipartimento di Medicina Animale, Produzioni e Salute (MAPS), Università degli Studi di Padova.

https://eeas.europa.eu/headquarters/headquarters-homepage/41949/erasmus-launched-project-better-veterinary-and-zoo-technical-teaching_en 

 

 

 


INSECT FEED CHICK - Insetti: fonte nutrizionale alternativa per la sostenibilità degli avicoli, della biodiversità ed in generale dell'azienda agricola

Il progetto, finanziato dal PSR Veneto 2014-2020, vede la collaborazione del Dipartimento MAPS, nella persona della prof.ssa Antonella Dalle Zotte, con  varie Aziende Agricole e Istituti Agrari, oltre a Buttefly Arc. Lo scopo è quello promuovere e valorizzare la risorsa “insetto” proponendo sia un ri-utilizzo di forme larvali od adulte (crisalidi) per i settori produttivi che già li utilizzano (es. bachicoltura), sia la produzione di insetti partendo da scarti vegetali aziendali. Il partenariato vorrebbe dimostrare quindi che la produzione degli insetti potrebbe essere una forma di differenziazione aziendale in grado di migliorare la produttività attraverso prodotti più sani e forme produttive più rispettose dell’ambiente.

Misura 16.1 – durata dal 21/04/2017 al 21/04/2018

Responsabile nazionale: Prof.ssa Antonella Dalle Zotte - Dipartimento di Medicina Animale, Produzioni e Salute (MAPS), Università degli Studi di Padova.

 

 

 

STALLA 4.0 - La sostenibilità della stalla da latte del futuro: economica, ambientale e sociale verso i bisogni emergenti della collettività

Il progetto, finanziato dal PSR Veneto 2014-2020, vede la collaborazione del Dipartimento MAPS, nella persona della prof.ssa Flaviana Gottardo, con  i Dipartimenti TESAF e DAFNAE.

Il problema che si intende risolvere con il progetto STALLA 4.0 è di aumentare la sostenibilità economica, ambientale e sociale delle aziende zootecniche da latte del Veneto. L’opinione pubblica è sempre più attenta alle modalità con cui vengono condotti gli allevamenti, esprimendo particolare attenzione alle questioni relative al benessere animale e al potenziale inquinamento di suolo, acqua e aria. Inoltre, le aziende zootecniche da latte hanno recentemente subito una crisi economica senza precedenti che mette in seria discussione il loro futuro.

La soluzione innovativa individuata è la realizzazione di uno strumento gestionale SMART per la stalla da latte, accessibile anche da supporto mobile, che rilevi, analizzi e valuti in tempo reale le prestazioni economiche, ambientali e di benessere animale. Le informazioni saranno condivise ed elaborate mediante un sistema centralizzato (Hub) con un flusso a due vie delle informazioni (da e verso l’Hub) per valutazioni di benchmark delle singole imprese.

Il progetto Stalla 4.0 rispetta pienamente gli obiettivi PEI finalizzati a promuovere la competitività, la riduzione delle emissioni e la resilienza climatica nel settore zootecnico da latte, mediante il miglioramento dell’efficienza dei sistemi di allevamento operando in armonia con le aspettative della collettività in merito alla tutela delle risorse naturali e del rispetto del benessere animale.

Responsabile per il Dipartimento MAPS:

Prof.ssa Flaviana Gottardo

Link al sito del Dipartimento TESAF: http://www.tesaf.unipd.it/stalla-40

 

ALP FEED – Applicazione tecnologica dimostrativa per l’ottimizzazione della dieta dei bovini da latte in area prealpina

Il progetto, finanziato dal PSR Veneto 2014-2020, vede la collaborazione del Dipartimento MAPS, nella persona della prof. Igino Andrighetto con l’azienda ITPhotonics srl produttrice di strumentazione di analisi NIR (Near Infra Red), con l’Azeinda Faresin Industries Spa produttrice di carri miscelatori, con la Società Agricole De Bona Gianfranco e la Società Semplice Agricola Bellumat germano e Gilberto site in provincia di Belluno e con la federazione provinciale Coldiretti di Belluno. Lo scopo è lo sviluppo di un Piano d’Azione (PA.GO) finalizzato a dimostrare alla filiera zootecnica e lattiero-casearia dell’area del GAL Prealpi e Dolomiti, nonché ai portatori di interesse a livello regionale, nazionale ed europeo l’applicabilità, la sostenibilità economico-finanziaria e l’efficacia di un modello innovativo nella gestione alimentare delle vacche da latte con la finalità di migliorare la qualità nutrizionale degli alimenti di origine animale, garantendo al contempo il pieno benessere degli animali, la riduzione dei possibili fattori di malattia e la riduzione dei emissioni di gas ad effetto serra (GHG) di origine agricola. Il GO rappresenterà - dunque - un punto di riferimento a livello regionale, nazionale ed europeo per accelerare l’innovazione ed i regimi di qualità nella filiera zootecnica da latte.

Misura 16.1 e 16.2– durata dal 14/09/2018 al 14/07/2020

Responsabile nazionale: Prof. Igino Andrighetto - Dipartimento di Medicina Animale, Produzioni e Salute (MAPS), Università degli Studi di Padova.